E' stato pubblicato in Gazzetta ufficiale  il decreto ministeriale 30 dicembre 2015 in materia di gasolio agricolo.

Il provvedimento ha l’obiettivo prioritario di aggiornare le tabelle sull’ettaro coltura prevedendo un maggior numero di colture, di tipologie di lavori ammissibili nonché, in diversi casi, quantitativi più congrui rispetto alle reali esigenze delle imprese agricole operanti nei diversi comparti, anche tenendo conto dell’evoluzione tecnologica del settore.

agricoltori12

Il provvedimento introduce alcune novità:

  1. Determinazioni dei valori medi dei prodotti petroliferi da ammettere all’impiego agevolato in agricoltura
  • viene eliminata la possibilità di applicare i consumi per le singole operazioni colturali anche nel caso di eventuali maggiorazioni concesse dalle regioni;
  • viene data la possibilità alle Regioni e alle province autonome di modificare lo schema delle tabelle dell’allegato 1, fermo restando quanto stabilito dal decreto.
  1. Maggiorazioni dei valori
  • rispetto al DM 26 febbraio 2002 i vincoli per assegnare le maggiorazioni sono lievemente modificati. La maggiorazione delle attribuzioni entro la misura massima del 100% viene limitata a:

-      condizioni climatiche particolari, per l’irrigazione, il riscaldamento delle serre e degli allevamenti;

-      elevata profondità delle falde;

-      ordinamenti colturali particolari.

Per le condizioni legate alle avversità atmosferiche e/o andamento climatico sfavorevole, alla siccità ed alluvioni, a cui si aggiunge anche quello delle fitopatie di eccezionale gravità, il nuovo provvedimento dispone che le Regioni o province autonome possono concedere ulteriori maggiorazioni (oltre a quelle previste dall’allegato 1) al verificarsi di circostanze transitorie e limitatamente alle assegnazioni dell’anno corrente. Infine, si evidenzia che viene eliminata fra le condizioni oggetto di maggiorazione “l’acclività e frammentazione per i trasferimenti aziendali, trasporto di prodotti agricoli e lavorazioni”.

L’allegato 1 del decreto evidenzia un incremento delle colture per le quali sono indicati i consumi per ettaro e delle tipologie di lavori che possono essere effettuati per ogni coltura; in particolare vengono inserite lavorazioni quali ad esempio lo scavo fossi, la pulizia fossi/scavo scoline, la movimentazione con bins, il desilamento per impianti a biogas (previsto nelle seguenti colture: cereali, mais, erbai, prati avvicendati, leguminose primaverili e vernine, proteoleaginose, ecc.).

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information