Ecco i principali adempimenti richiesti dal Provvedimento del Garante in materia di videosorveglianza.

videosorveglianza

1. Informativa

La legge attualmente in vigore prevede che tutti gli interessati debbano essere informati del fatto che stanno per accedere ad una zona videosorvegliata. Non sono specificati dal Garante il posizionamento o la dimensione dei cartelli utili all’informativa ma sono richiamati alcuni principi di massima tra cui i seguenti:

-      Il cartello deve avere un formato e un posizionamento tale da risultare visibile e dovrà essere opportunamente illuminato in caso di funzionamento notturno;

-      Nel caso in cui l’area videosorvegliata sia ampia o siano presenti più telecamere, si dovrà valutare la presenza di più cartelli;

-      Nel caso in cui il trattamento di dati avvenga tramite sistemi di videosorveglianza collegati direttamente con forze di polizia, il cartello dovrà indicare tale collegamento.

Oltre al cartello, il Garante ha previsto che il titolare debba redigere un testo completo di informativa che deve essere reso disponibile agevolmente agli interessati (tramite siti internet, affissioni in bacheca o avvisi agli sportelli…) e in cui devono essere indicati gli elementi previsti all’art. 13 del D.lgs. 196/03 in materia di “Regole generali per il trattamento dei dati”.

2.Verifica preliminare

Normalmente non è richiesta un’istanza al Garante per l’installazione di un impianto di videosorveglianza.

Questa è invece necessaria nei casi in cui si ravvisino rischi specifici per i diritti e le libertà fondamentali nonché per la dignità degli interessati.

Ad esempio è richiesta una verifica preliminare nel caso di:

-      Sistemi di videosorveglianza che permettono il riconoscimento facciale o l’elaborazione di dati biometrici (anche tramite il confronto di immagini);

-      Sistemi intelligenti che sono in grado di rilevare automaticamente comportamenti o eventi anomali;

Sistemi che prevedono la conservazione dei dati per periodi superiori a 7 giorni (tranne nel caso di autorizzazione della polizia in relazione ad indagini investigative in corso)

3. Notificazione

Nel caso della videosorveglianza la notificazione è necessaria solo per trattamenti peculiari quali, ad esempio, il trattamento di dati biometrici o di dati che indicano la posizione geografica di persone od oggetti mediante una rete di comunicazione elettronica.

4. Nomine di responsabili e incaricati

Devono essere nominati per iscritto gli incaricati del trattamento:

-      Persone fisiche autorizzate ad accedere ai locali dove sono situate le postazioni di controllo;

-      Persone fisiche autorizzate a utilizzare gli impianti;

-      Persone fisiche autorizzate a visionare le immagini

5. Sanzioni

La mancata osservazione delle suddette norme comporta l'applicazione delle sanzioni amministrative e penali.

 

 

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information